HOME

Associazione Scientifica
"Incontri al Fatebenefratelli"

 

DA “I QUIZ UNIVERSALI”

 

’O PATTO  C’ ’O PATATERNO

 

Ma, ’o Signore esiste o no?

Vola ’ncielo o sta pe’ terra?

Ce perdona sempe o no?

Porta ’a pace o cerca ’a guerra?

 

Tene ’nmano nu bastone  

quann’ aspetta ’a fore ’a tomba?

cu ’na barba ’e nu barbone

e  ’na voce che (con voce tonante) rimbomba?

 

O ce accoglie cu dolcezza?

ce fa pure nu sorriso

e ce dice; (con voce dolce) “Ueh, ’a bellezza!

benvenuto in Paradiso!”

 

Io me sonno tutt’ ’a scena,

cu S. Pietro a fianco a fianco,

che Le dice areto ’a schiena:

(con voce in sordina)  “Sta arrivanno pure Franco!”.

 

(Il Signore, con voce tonante)   “Finalmente!… Quando passa?

Già mi stavo a preoccupà”.

(S. Pietro, con voce giustificante)   “Ma ’a mugliera nun ’o lassa

pe’ mannarlo…. all’aldiquà;

 

e s’ ’o stregne forte, forte”.

(voce femminile implorante)    “Nun me po’ lassa’ ccà sola,

e, si chesta add’esse’ ’a sorte,

voglio di’ quacche parola:

 

“Neh, Signo’, Te voglio bene,

nun puo’ farme stu dispietto,

tanto ’o core nun ’o tene,

si tu ’o cerchi dint’ ’o pietto.

 

Chillo, ’o core, a me m’ha dato,

pecchè sulo a me… vvò bene,

chillo, a me… m’ha cunsegnato

e mò, isso… m’appartene.

 

Si t’’o puorte ’nParaviso,

senza core,…. è nu misfatto,

Te conviene ’e fa’ buon viso

si Tu accietti chistu patto:

 

io t’’o porto,… pure ’o core,

che, ’o saje, nun t’appartiene,

si Tu sciglie bona l’ ora,

pe’ ce fa’ murì’….assieme.

 

T’ ’o cunsegno, tutto ’o core,

si stasera me prommetti,

che ce fai murì’ d’Ammore,

abbracciati, stritti – stritti;

 

e si ce puorti ’nParaviso,

cu ’na mano dint’ ’a mano,

e a S. Pietro dai l’avviso:

(con voce tonante)    “Nun ’e fa’ durmì’ luntano !”.

 

Gambizzato, Dic 2002

 

Morale della favola:

 

“Dio esiste !.

 Non sappiamo ancora se ha la barba di un barbone

o se porta in mano un bastone,
ma ora sappiamo che ha la voce tuonante.

Egli fa di tutto per apparire burbero e severo,

 ma è molto buono e ci perdona sempre,

perché Dio  è  Amore

e, in fondo,

 è Lui

che ha insegnato a tutti

 che è l’Amore a trionfare sempre.”

 

                        Gambizzato, Dic 2002

 

’A RICONOSCENZA

HOME

Associazione Scientifica
"Incontri al Fatebenefratelli"

 

DA “I QUIZ UNIVERSALI”

 

’O PATTO  C’ ’O PATATERNO

 

Ma, ’o Signore esiste o no?

Vola ’ncielo o sta pe’ terra?

Ce perdona sempe o no?

Porta ’a pace o cerca ’a guerra?

 

Tene ’nmano nu bastone  

quann’ aspetta ’a fore ’a tomba?

cu ’na barba ’e nu barbone

e  ’na voce che (con voce tonante) rimbomba?

 

O ce accoglie cu dolcezza?

ce fa pure nu sorriso

e ce dice; (con voce dolce) “Ueh, ’a bellezza!

benvenuto in Paradiso!”

 

Io me sonno tutt’ ’a scena,

cu S. Pietro a fianco a fianco,

che Le dice areto ’a schiena:

(con voce in sordina)  “Sta arrivanno pure Franco!”.

 

(Il Signore, con voce tonante)   “Finalmente!… Quando passa?

Già mi stavo a preoccupà”.

(S. Pietro, con voce giustificante)   “Ma ’a mugliera nun ’o lassa

pe’ mannarlo…. all’aldiquà;

 

e s’ ’o stregne forte, forte”.

(voce femminile implorante)    “Nun me po’ lassa’ ccà sola,

e, si chesta add’esse’ ’a sorte,

voglio di’ quacche parola:

 

“Neh, Signo’, Te voglio bene,

nun puo’ farme stu dispietto,

tanto ’o core nun ’o tene,

si tu ’o cerchi dint’ ’o pietto.

 

Chillo, ’o core, a me m’ha dato,

pecchè sulo a me… vvò bene,

chillo, a me… m’ha cunsegnato

e mò, isso… m’appartene.

 

Si t’’o puorte ’nParaviso,

senza core,…. è nu misfatto,

Te conviene ’e fa’ buon viso

si Tu accietti chistu patto:

 

io t’’o porto,… pure ’o core,

che, ’o saje, nun t’appartiene,

si Tu sciglie bona l’ ora,

pe’ ce fa’ murì’….assieme.

 

T’ ’o cunsegno, tutto ’o core,

si stasera me prommetti,

che ce fai murì’ d’Ammore,

abbracciati, stritti – stritti;

 

e si ce puorti ’nParaviso,

cu ’na mano dint’ ’a mano,

e a S. Pietro dai l’avviso:

(con voce tonante)    “Nun ’e fa’ durmì’ luntano !”.

 

Gambizzato, Dic 2002

 

Morale della favola:

 

“Dio esiste !.

 Non sappiamo ancora se ha la barba di un barbone

o se porta in mano un bastone,
ma ora sappiamo che ha la voce tuonante.

Egli fa di tutto per apparire burbero e severo,

 ma è molto buono e ci perdona sempre,

perché Dio  è  Amore

e, in fondo,

 è Lui

che ha insegnato a tutti

 che è l’Amore a trionfare sempre.”

 

                        Gambizzato, Dic 2002

 

’A RICONOSCENZA

HOME

Associazione Scientifica
"Incontri al Fatebenefratelli"

 

DA “I QUIZ UNIVERSALI”

 

’O PATTO  C’ ’O PATATERNO

 

Ma, ’o Signore esiste o no?

Vola ’ncielo o sta pe’ terra?

Ce perdona sempe o no?

Porta ’a pace o cerca ’a guerra?

 

Tene ’nmano nu bastone  

quann’ aspetta ’a fore ’a tomba?

cu ’na barba ’e nu barbone

e  ’na voce che (con voce tonante) rimbomba?

 

O ce accoglie cu dolcezza?

ce fa pure nu sorriso

e ce dice; (con voce dolce) “Ueh, ’a bellezza!

benvenuto in Paradiso!”

 

Io me sonno tutt’ ’a scena,

cu S. Pietro a fianco a fianco,

che Le dice areto ’a schiena:

(con voce in sordina)  “Sta arrivanno pure Franco!”.

 

(Il Signore, con voce tonante)   “Finalmente!… Quando passa?

Già mi stavo a preoccupà”.

(S. Pietro, con voce giustificante)   “Ma ’a mugliera nun ’o lassa

pe’ mannarlo…. all’aldiquà;

 

e s’ ’o stregne forte, forte”.

(voce femminile implorante)    “Nun me po’ lassa’ ccà sola,

e, si chesta add’esse’ ’a sorte,

voglio di’ quacche parola:

 

“Neh, Signo’, Te voglio bene,

nun puo’ farme stu dispietto,

tanto ’o core nun ’o tene,

si tu ’o cerchi dint’ ’o pietto.

 

Chillo, ’o core, a me m’ha dato,

pecchè sulo a me… vvò bene,

chillo, a me… m’ha cunsegnato

e mò, isso… m’appartene.

 

Si t’’o puorte ’nParaviso,

senza core,…. è nu misfatto,

Te conviene ’e fa’ buon viso

si Tu accietti chistu patto:

 

io t’’o porto,… pure ’o core,

che, ’o saje, nun t’appartiene,

si Tu sciglie bona l’ ora,

pe’ ce fa’ murì’….assieme.

 

T’ ’o cunsegno, tutto ’o core,

si stasera me prommetti,

che ce fai murì’ d’Ammore,

abbracciati, stritti – stritti;

 

e si ce puorti ’nParaviso,

cu ’na mano dint’ ’a mano,

e a S. Pietro dai l’avviso:

(con voce tonante)    “Nun ’e fa’ durmì’ luntano !”.

 

Gambizzato, Dic 2002

 

Morale della favola:

 

“Dio esiste !.

 Non sappiamo ancora se ha la barba di un barbone

o se porta in mano un bastone,
ma ora sappiamo che ha la voce tuonante.

Egli fa di tutto per apparire burbero e severo,

 ma è molto buono e ci perdona sempre,

perché Dio  è  Amore

e, in fondo,

 è Lui

che ha insegnato a tutti

 che è l’Amore a trionfare sempre.”

 

                        Gambizzato, Dic 2002

 

’A RICONOSCENZA

HOME

Associazione Scientifica
"Incontri al Fatebenefratelli"

 

DA “I QUIZ UNIVERSALI”

 

’O PATTO  C’ ’O PATATERNO

 

Ma, ’o Signore esiste o no?

Vola ’ncielo o sta pe’ terra?

Ce perdona sempe o no?

Porta ’a pace o cerca ’a guerra?

 

Tene ’nmano nu bastone  

quann’ aspetta ’a fore ’a tomba?

cu ’na barba ’e nu barbone

e  ’na voce che (con voce tonante) rimbomba?

 

O ce accoglie cu dolcezza?

ce fa pure nu sorriso

e ce dice; (con voce dolce) “Ueh, ’a bellezza!

benvenuto in Paradiso!”

 

Io me sonno tutt’ ’a scena,

cu S. Pietro a fianco a fianco,

che Le dice areto ’a schiena:

(con voce in sordina)  “Sta arrivanno pure Franco!”.

 

(Il Signore, con voce tonante)   “Finalmente!… Quando passa?

Già mi stavo a preoccupà”.

(S. Pietro, con voce giustificante)   “Ma ’a mugliera nun ’o lassa

pe’ mannarlo…. all’aldiquà;

 

e s’ ’o stregne forte, forte”.

(voce femminile implorante)    “Nun me po’ lassa’ ccà sola,

e, si chesta add’esse’ ’a sorte,

voglio di’ quacche parola:

 

“Neh, Signo’, Te voglio bene,

nun puo’ farme stu dispietto,

tanto ’o core nun ’o tene,

si tu ’o cerchi dint’ ’o pietto.

 

Chillo, ’o core, a me m’ha dato,

pecchè sulo a me… vvò bene,

chillo, a me… m’ha cunsegnato

e mò, isso… m’appartene.

 

Si t’’o puorte ’nParaviso,

senza core,…. è nu misfatto,

Te conviene ’e fa’ buon viso

si Tu accietti chistu patto:

 

io t’’o porto,… pure ’o core,

che, ’o saje, nun t’appartiene,

si Tu sciglie bona l’ ora,

pe’ ce fa’ murì’….assieme.

 

T’ ’o cunsegno, tutto ’o core,

si stasera me prommetti,

che ce fai murì’ d’Ammore,

abbracciati, stritti – stritti;

 

e si ce puorti ’nParaviso,

cu ’na mano dint’ ’a mano,

e a S. Pietro dai l’avviso:

(con voce tonante)    “Nun ’e fa’ durmì’ luntano !”.

 

Gambizzato, Dic 2002

 

Morale della favola:

 

“Dio esiste !.

 Non sappiamo ancora se ha la barba di un barbone

o se porta in mano un bastone,
ma ora sappiamo che ha la voce tuonante.

Egli fa di tutto per apparire burbero e severo,

 ma è molto buono e ci perdona sempre,

perché Dio  è  Amore

e, in fondo,

 è Lui

che ha insegnato a tutti

 che è l’Amore a trionfare sempre.”

 

                        Gambizzato, Dic 2002