HOME

Associazione Scientifica
"Incontri al Fatebenefratelli"

U.O.C. di Medicina Interna
     Primario: Dott. Francesco Sgambato

 

’A RICONOSCENZA

 

Pure si le tagli ’o pietto

e le cagn’ tutto ’o core,

nun te n’ aspetta’ rispetto,

spera sulo ca nun more.

 

Si ’o ventricolo ’mpazzisce

e se ne và in fibrillazione,

che ne sanno? Chi ’o capisce

si t’ha fai dint’ ’o cazone?

 

Si ’o malato s’è shockato

e già stava pronta ’a Morte,

quann’ ’a fine s’è salvato:

tutt’ ’o merito è d’ ’a sorte.

 

Si se spegne ’o lumicino

pecchè ’a vita è nata corta,

nun è colpa d’ ’o destino

che teneva areto ’a porta;

 

“chella ’a colpa è d’ ’o duttore,

che sicuro s’è sbagliato,

se ci stava ’o Professore,

certo, mò, s’era salvato”.

 

Tutto chello ca tu fai

’n’ è servuto proprio a niente,

“nun ha’ fatto mai assaje”

chesto penza sempe ’a gente.

 

Che vuo’ fa’? Chisto è ’o mestiere!

Ce l’avimmo già ’mparato,

nun guastammece ’e pensier’,

faticammo….. p’ ’o Malato.

 

Gambizzato, 2001